Pages Navigation Menu

Record esportazioni per l’agroalimentare, ma attenti alle truffe!

Posted by on 24 aprile 2014 in Food | 0 comments

Da un’analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Istat relativi al commercio estero nel 2013, emerge che le esportazioni dei prodotti agricoli ed alimentari raggiungono un aumento del 5 per cento, con il record storico nel valore delle esportazioni vicino a 33 miliardi di euro. I 2/3 del fatturato realizzato all’estero si ottengono con l’esportazione di prodotti agroalimentari verso i paesi dell’Unione Europea, ma il Made in Italy va forte anche nelle Americhe e nei mercati emergenti come quelli asiatici. Il prodotto Italiano più esportato è il vino, che fa segnare il record storico delle vendite raggiungendo per la prima volta un valore attorno ai 5 miliardi di euro, seguito dalle esportazioni di ortofrutta, pasta e olio d’oliva, confermando il settore agroalimentare una leva competitiva determinante per far uscire l’Italia dalla crisi. L’unico problema, come afferma il presidente della...

Read More

Ridurre gli sprechi si può, con imballi ed etichettature.

Posted by on 16 aprile 2014 in Food | 0 comments

Recenti studi sulle abitudini alimentari hanno evidenziato che il valore dello spreco di alimenti buttati e non utilizzati prima della data di scadenza corrisponde a diversi miliardi di euro: nel Regno Unito questo dato ha provocato talmente tanta indignazione da spingere subito chi di dovere a cercare una soluzione. Il WRAP (Waste & Resources Action Programme) suggerisce di modificare le abitudini sull’utilizzo degli imballaggi in casa per limitare gli sprechi: sono molti coloro che, per abitudine, non utilizzano le apposite chiusure salva freschezza apposte sugli imballi, o addirittura tolgono gli alimenti dalla confezione dopo l’acquisto, conservandoli così in maniera scorretta. Nemmeno le indicazioni sulla data di scadenza e la conservazione del prodotto riportate sull’etichetta sembrano essere prese in considerazione: si é quindi reso necessario uno studio approfondito sulle abitudini dei consumatori e sulle loro preferenze, per comprendere al meglio...

Read More

Tracciabilità alimentare: più facile, grazie alla tecnologia

Posted by on 5 novembre 2013 in Food | 0 comments

Le emergenze alimentari degli ultimi anni hanno evidenziato quanto sia importante per i consumatori, potersi fidare di un prodotto, ritenendolo sicuro al 100%, prima di portarlo sulle proprie tavole. Da quest’esigenza di sicurezza e affidabilità si è partiti per trovare risposte nella tecnologia: la Commissione Europea ha reso obbligatorio, in un nuovo quadro normativo, l’utilizzo più ampio di soluzioni tecnologicamente avanzate come radiofrequenza, Wi-Fi, Umts e GPS, per garantire la tracciabilità degli alimenti. L’Rfid (Radio-frequency identification) si sta imponendo come tecnologia di riferimento nell’ambito della tracciabilità alimentare: questo sistema trasferisce informazioni su prodotti e processi tramite onde radio; i prodotti alimentari, grazie all’utilizzo di questa tecnologia, possono così “raccontare la propria storia” ai consumatori. Il barcode, codice alfanumerico che definisce l’identità di un prodotto, si sta evolvendo per superare tre grandi limiti: la possibilità di inserire al suo interno...

Read More

Imballaggi flessibili da converter, un segmento sempre in crescita.

Posted by on 18 giugno 2013 in Food, News | 0 comments

Gli imballaggi flessibili da converter rappresentano uno dei pochi settori del packaging, a riscontrare una tendenza positiva in costante sviluppo, nel 2011 grazie a domanda interna ed esportazioni in aumento, la produzione di questa tipologia di imballaggi ha visto una crescita del 6,7%. Il settore alimentare risulta essere quello ad utilizzare maggiormente gli imballaggi flessibili da converter, principalmente per i prodotti da forno e per la pasta, ma anche per alimenti surgelati e per gli ortofrutticoli preconfezionati e pesati. Per quanto riguarda invece il settore non food, il maggior utilizzo di imballaggi flessibili da converter avviene nell’ambito della detergenza domestica: sono molte le aziende che stanno sostituendo il packaging in cartoncino con il sacchetto in poliaccoppiato. In generale, il progressivo sviluppo di questo tipo di imballaggio, si deve principalmente all’efficienza del prodotto, che risulta essere più appetibile al consumatore...

Read More

Algeria: importazioni ed esportazioni nel settore alimentare

Posted by on 9 aprile 2013 in Food | 0 comments

Solo il 3% del terreno algerino è coltivabile: il settore agricolo non riesce a soddisfare la domanda interna di alimenti e l’Algeria è costretta quindi ad importare circa il 45% dei suoi prodotti alimentari, con un aumento del 62% dal 2010. I prodotti maggiormente importati sono latte e prodotti caseari, cereali e farine, olio, zucchero. I maggiori partner commerciali algerini sono europei: i primi due fornitori di prodotti alimentari sono rispettivamente Francia ed Italia, seguite da Cina e Spagna. Dal 2000 in Algeria è stato attuato un piano di modernizzazione del settore agricolo, che attualmente riesce a contribuire al PIL algerino per circa l’8%, occupando circa 1/7 della popolazione: i principali prodotti coltivati sono orzo, grano, patate, palme, olio e tabacco, ma vengono prodotti anche vini e liquori di buona qualità. Le esportazioni riguardano prevalentemente la frutta: limoni, datteri...

Read More

Plastica dai gusci d’uovo: risparmio sui costi di smaltimento e attenzione all’ambiente

Posted by on 27 febbraio 2013 in Food | 0 comments

Dai gusci d’uovo, scarto dell’industria alimentare, un materiale plastico per l’imballaggio e non solo. Recuperare i gusci d’uovo, sia dagli scarti delle industrie alimentari, sia dai rifiuti domestici, e convertirli in materia plastica per diversi utilizzi, dagli imballaggi, ai dispositivi medici, ai materiali per l’edilizia. E’ quanto si sta realizzando con un progetto di ricerca attualmente in corso in Gran Bretagna dalla Food and Drink iNet, sfruttando una componente proteica contenuta nei gusci, i glicosaminoglicani (GAGs),ingredienti molto noti all’industria farmaceutica e cosmetica (es. acido ialuronico), già utilizzati per la formulazione di alcune bioplastiche. Il guscio d’uovo è un materiale biologico composito molto sofisticato e dalle notevoli potenzialità a diversi livelli, può essere miscelato con diverse materie plastiche e con polimeri completamente biodegradabili, dando vita ad un numero di applicazioni potenzialmente infinite, dal packaging per l’industria alimentare a qualsiasi prodotto...

Read More
Pagina 5 di 5« First...345