Pages Navigation Menu

Stabilimento di produzione e sede tornano in etichetta

Da aprile 2018 più informazioni e maggiore rintracciabilità dei prodotti da parte degli organi di controllo

Il 7 ottobre scorso è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto legislativo che obbliga a riportare sulle etichette dei prodotti alimentari la sede dello stabilimento di produzione. Una grande vittoria per i consumatori e per tutte le imprese industriali e artigianali che continuavano a scrivere l’indicazione nonostante non ci fosse più il vincolo dal dicembre 2014. Adesso gli utenti potranno attuare scelte più consapevoli potendo identificare persino l’origine degli alimenti confezionati con il marchio di grandi catene di supermercati o gruppi industriali. Anche da un punto di vista sanitario e di sicurezza ci saranno notevoli vantaggi. Come si legge nel decreto infatti, le modifiche hanno l’obiettivo di garantire una “corretta e completa informazione al consumatore e la rintracciabilità dell’alimento da parte degli organi di controllo, nonché la tutela della salute”.

La normativa prevede un periodo di transizione di 180 giorni per dar modo alle aziende di esaurire le vecchie etichette dopo di che sarà necessaria la menzione della sede dello stabilimento di produzione e, se diversa, anche quella di confezionamento. In caso di violazioni, sono previste sanzioni fino a 15mila euro.

Esistono alcune eccezioni all’obbligo che riguardano particolari tipologie di prodotti e altre che garantiscano la libera circolazione delle merci garantita dal diritto europeo.

Tanti gli aspetti positivi del decreto anche se è necessario considerare che l’indicazione dello stabilimento non ha alcun legame con l’origine e la qualità della materia prima impiegata dall’azienda. Altro punto critico che dovrà essere affrontato sono le spese: gli operatori nazionali che dovranno adeguarsi alle nuove disposizioni, saranno sottoposti a inevitabili costi ed oneri aggiuntivi che, di conseguenza, potrebbero far crescere i prezzi dei prodotti.

 

ph credits: guidaconsumatore.com